Siti di notizie curiose? SensaSenzo.com

logo_ss_0122vecchioStai cercando siti di notizie curiose? Il sito che fa al caso tuo è SensaSenzo.com, un contenitore di parodie, notizie divertenti e curiosità scientifiche. Ecco un esempio della tipologia di notizie curiose che puoi trovare: una donna che ha corso 500 km senza dormire??

Quanti chilometri può percorrere correndo una donna senza dormire e in quanto tempo? La risposta alla vostra curiosità viene da un fatto realmente accaduto, anche se faccio realmente fatica a credere che si tratti di una cosa umanamente possibile!

Si tratta di un record che vi invitiamo a non provare a battere (don’t try this at home come direbbero quelli del Wrestling), visto che solo un’atleta allenata nelle ultra maratone, ovvero quelle corse più lunghe di 42 km può tentare l’impresa.

Il record precedente era di 486 km realizzato dall’americana Pam Reed nel lontano 2005. Kim Allan ha provato un anno fa a batterlo senza successo visto che si era fermata a soli, soli si fa per dire, naturalmente! 386 km. Dopo la sconfitta nel tentativo, l’atleta specializzata nelle gare impossibili, ha deciso di tornare a mettersi in marcia, compiendo un programma di allenamento molto intenso nel corso di tutto l’anno.

La donna ha provato, quindi, nuovamente a stabilire il record, riuscendoci. Kim Allan, infatti, ha corso la bellezza di 500 chilometri in 86 ore, 11 minuti e 9 secondi senza dormire. Chiaramente si trattava di una maratona e non di una gara di velocità, quindi l’andamento dell’atleta record mondiale, era piuttosto lento.

Per farvi un’idea dell’incredibile impresa della donna, sappiate che la distanza che ha coperto in meno di 4 giorni senza dormire è superiore a quella tra Milano e Roma (ovviamente in linea d’aria). Un record assolutamente fantastico, che proietta l’atleta nell’Olimpo di quella disciplina e la rende davvero immortale (d’altronde chi percorre 500 km in 86 ore, un po’ immortale già lo è). Siamo sicuri che il record di Kim Allan rimarrà tale ancora a lungo, a meno che la stessa atleta non decida di superarsi, o che Pam Reed non accetti il guanto di sfida..